Invero persi

Quando sarà estate tornerò a bagnarmi nelle dighe straripanti delle orbite, le cicatrici nere e purulente non domano le maree.

Continua quella musica che mi copriva dal freddo mentre sorridevo ai sorrisi e parlavo con i conigli nei buchi neri della galassia.

Dov’ eri? Inciampo sulle radici in questa foresta di melma, se anche continuassi a correre, sarebbe forte, sempre, il richiamo della superficie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...